Condividi

Incontro con il socio Bartolomeo Costantini

  • Data di pubblicazione 11 febbraio 2013

Per celebrare il Giorno della Memoria, il nostro socio Bartolomeo Costantini, già Procuratore Capo del Tribunale Militare di Verona, su invito dell’ Istituto Veronese per la Storia della Resistenza e dell’ Età Contemporanea, dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia e dell’Associazione Perseguitati Italiani, ha tenuto una interessantissima e competente conferenza su Misha Seifert, il boia del Lager di Bolzano. L’incontro è stato preceduto dalla proiezione di un documentario RAI della serie La Storia siamo noi, dedicato ai crimini compiuti dall’ex-caporale delle SS nel 1944-1945 mentre era addetto alla vigilanza dei campi di transito di Bolzano e di Fossoli, dove torturò e uccise almeno 18 civili.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale Seifert riuscì a riparare in Canada dove si stabilì a Vancouver nel 1951, si sposò ed ebbe un figlio, ottenendo alla fine degli anni ’60 anche il passaporto canadese. Nel 1969 venne rintracciato dalla Croce Rossa Tedesca, quindi processato in contumacia e condannato all’ergastolo perché ritenuto responsabile di 11 dei 18 omicidi contestatigli (sentenza del 24/11/2000 confermata in Appello nel 2001 e in Cassazione nel 2002).

Il Dott. Costantini, che fu Pubblico Ministero al processo, ha sottolineato il duro ed intenso lavoro che si dovette sostenere per assicurare il criminale alla giustizia, si è soffermato quindi sulle difficoltà e gli ostacoli incontrati per ottenere l’estradizione ed ha ricostruito per il pubblico alcune fasi del processo. Seifert fu infine estradato nel 2008 e rinchiuso nel Carcere Militare di S. Maria Capua Vetere. Morì nell’ Ospedale di Caserta nel novembre 2010.

A conclusione dell’intervento Costantini ha affermato: «..ho solo fatto il mio dovere in adempimento del principio costituzionale di obbligatorietà dell’esercizio dell’azione penale». È stata un'ottima dissertazione, che ha contribuito a far luce sulle pagine più buie della nostra Storia.

Nato in provincia di Bari nel 1938, Bartolomeo Costantini è stato magistrato militare fino al 2008, sempre con funzioni requirenti, da ultimo come Procuratore militare della Repubblica di Verona. Ha fatto parte del Consiglio della magistratura militare dal 1993 al 1997 ed è stato Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Militari. Nel 2008 è transitato alla magistratura ordinaria, con le funzioni di Sostituto procuratore generale della Repubblica presso la Corte d’appello di Trento.

(Roberto Pancaldi)